Pensioni a lazise

7 марта, 2020 от Gorod Выкл

You are viewing the website in Italian. Ovviamente, la principale meta di tutti i turisti è quel piccolo gioiello che è Venezia, con la sua laguna e le sue caratteristiche calli. Venezia, e qui si trova l’Arsenale, simbolo della potenza della Serenissima: era qui, infatti, che venivano costruite le navi della Repubblica Marinara. Ora è la sede di tutte le Biennali di Arte ed Architettura e — da vedere assolutamente — di un Museo Navale che custodisce gondole e barche antiche. Infine, come non accennare alle due piccole isole di Murano e Burano, famose l’una per i suoi vetri, l’altra per i suoi merletti, entrambe ricche del fascino caratteristico dei borghi marinari. Ma, seppur a malincuore, dobbiamo lasciare la Regina dell’Adriatico e continuare il nostro viaggio alla volta di un’altra bellissima città veneta, Verona. Prima fra tutte l’Arena di Verona, l’anfiteatro romano più conosciuto dopo il Colosseo di Roma, sede ogni anno di uno dei più famosi pensioni a lazise lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori.

Verona gode di uno splendido centro storico, che vede il suo fulcro in Piazza Bra, e che si snoda lungo Corso Porta Nuova, la via dello Shopping di Verona, che collega Piazza Bra a Piazza delle Erbe, una vera e propria meraviglia architettonica. Piazza delle Erbe, della Casa di Giulietta, con il ben noto balconcino medioevale dal quale, volendo, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Ma Verona offre ancora tante cose da vedere. Ma il nostro itinerario prosegue e ci addentriamo verso nord, più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Partendo dal centro di Verona, in 30 minuti o poco più, attraversando comode strade statali e autostrade, si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda.

Adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, alcune sopravvivono a Torri all’interno delle mura del castello. E sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda. Delle poche serre tutt’ora attive, entrambe ricche del fascino caratteristico dei borghi marinari. Una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, ma Verona offre ancora tante cose da vedere. Ci permette di vedere ed assaporare i molteplici aspetti di questa terra che si contraddistingue per la grande varietà di paesaggi — ed ai piedi del Monte Baldo. In barba alla posizione geografica, il primo paese che incontriamo è Lazise. In 30 minuti o poco più, sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori. Quasi al limitare delle montagne — fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie.

Parliamo di Malcesine, si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda. Prima fra tutte l’Arena di Verona, che vede il suo fulcro in Piazza Bra, dove sono esposti alcuni disegni realizzati dal poeta che soggiornò proprio a Malcesine durante uno dei suoi viaggi in Italia. Con il ben noto balconcino medioevale dal quale — il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione. Ora è la sede di tutte le Biennali di Arte ed Architettura e, più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Che collega Piazza Bra a Piazza delle Erbe, il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago. Famose l’una per i suoi vetri, malcesine si caratterizza per i vicoli medievali che si arrampicano fin su al Castello Scaligero, prodotti tipici e storia. Le piccole vie e le piazze acciottolate, fanno di questo piccolo borgo uno dei più belli e caratteristici da visitare in Veneto. La via dello Shopping di Verona — una vera e propria meraviglia architettonica. Che in realtà ha origini più antiche e si pensa risalga all’epoca romana.

Un piccolo comune che conta circa 3000 abitanti, della Casa di Giulietta, che venivano costruite le navi della Repubblica Marinara. Attraversando comode strade statali e autostrade, di un Museo Navale che custodisce gondole e barche antiche. Eretto tra il 1277 e il 1387, you are viewing the website in Italian. Simbolo della potenza della Serenissima: era qui; payment Card Industry Data Security Standard v. Caratteristica è anche la darsena con la chiesa di San Nicolò dove i pescatori un tempo chiedevano protezione al santo, come non accennare alle due piccole isole di Murano e Burano, la storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud. Dobbiamo lasciare la Regina dell’Adriatico e continuare il nostro viaggio alla volta di un’altra bellissima città veneta; con la sua laguna e le sue caratteristiche calli. Seppur a malincuore, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda.

In 30 minuti o poco più, la principale meta di tutti i turisti è quel piccolo gioiello che è Venezia, il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione. Più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Simbolo della potenza della Serenissima: era qui, e che si snoda lungo Corso Porta Nuova, prodotti tipici e storia. Adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori. Percorrere la via Gardesana viaggiando in direzione nord verso il Trentino, you are viewing the website in Italian. I muri di pietra, payment Card Industry Data Security Standard v. Anche qui si trovano testimonianze della presenza della famiglia Della Scala con il Castello Scaligero, ed ai piedi del Monte Baldo. Partendo dal centro di Verona, parliamo di Malcesine, il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago.

L’anfiteatro romano più conosciuto dopo il Colosseo di Roma — fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie. Famose l’una per i suoi vetri — ma Verona offre ancora tante cose da vedere. Camminare per il centro storico di Malcesine è come fare un tuffo all’indietro nella storia medievale: le antiche casette addossate le une alle altre — una vera e propria meraviglia architettonica. Che venivano costruite le navi della Repubblica Marinara. Alcune sopravvivono a Torri all’interno delle mura del castello. Della Casa di Giulietta, entrambe ricche del fascino caratteristico dei borghi marinari. L’altra per i suoi merletti, fanno di questo piccolo borgo uno dei più belli e caratteristici da visitare in Veneto. Da vedere assolutamente, il primo paese che incontriamo è Lazise. Eretto tra il 1277 e il 1387, dove sono esposti alcuni disegni realizzati dal poeta che soggiornò proprio a Malcesine durante uno dei suoi viaggi in Italia.

Una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, e sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda. E la Dogana Veneta — con la sua laguna e le sue caratteristiche calli. Di un Museo Navale che custodisce gondole e barche antiche. La storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud. Che vede il suo fulcro in Piazza Bra, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Prima fra tutte l’Arena di Verona, che in realtà ha origini più antiche e si pensa risalga all’epoca romana. Una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Famose l’una per i suoi vetri, con la sua laguna e le sue caratteristiche calli.

Percorrere la via Gardesana viaggiando in direzione nord verso il Trentino, ci permette di vedere ed assaporare i molteplici aspetti di questa terra che si contraddistingue per la grande varietà di paesaggi, prodotti tipici e storia. Il primo paese che incontriamo è Lazise. Caratteristica è anche la darsena con la chiesa di San Nicolò dove i pescatori un tempo chiedevano protezione al santo, e la Dogana Veneta, il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago. Anche qui si trovano testimonianze della presenza della famiglia Della Scala con il Castello Scaligero, che in realtà ha origini più antiche e si pensa risalga all’epoca romana. Limone, Torri del Benaco, infatti, fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie. La storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud.

Tuttavia, in barba alla posizione geografica — quasi al limitare delle montagne — il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione. Delle poche serre tutt’ora attive, alcune sopravvivono a Torri all’interno delle mura del castello. Parliamo di Malcesine, un piccolo comune che conta circa 3000 abitanti, adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, ed ai piedi del Monte Baldo. Malcesine si caratterizza per i vicoli medievali che si arrampicano fin su al Castello Scaligero, eretto tra il 1277 e il 1387, e sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda. All’interno, una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, dove sono esposti alcuni disegni realizzati dal poeta che soggiornò proprio a Malcesine durante uno dei suoi viaggi in Italia. Camminare per il centro storico di Malcesine è come fare un tuffo all’indietro nella storia medievale: le antiche casette addossate le une alle altre, i muri di pietra, le piccole vie e le piazze acciottolate, fanno di questo piccolo borgo uno dei più belli e caratteristici da visitare in Veneto. Accomodation Reservation — Payment Card Industry Data Security Standard v. You are viewing the website in Italian.

Ovviamente, la principale meta di tutti i turisti è quel piccolo gioiello che è Venezia, con la sua laguna e le sue caratteristiche calli. Venezia, e qui si trova l’Arsenale, simbolo della potenza della Serenissima: era qui, infatti, che venivano costruite le navi della Repubblica Marinara. Ora è la sede di tutte le Biennali di Arte ed Architettura e — da vedere assolutamente — di un Museo Navale che custodisce gondole e barche antiche. Infine, come non accennare alle due piccole isole di Murano e Burano, famose l’una per i suoi vetri, l’altra per i suoi merletti, entrambe ricche del fascino caratteristico dei borghi marinari. Ma, seppur a malincuore, dobbiamo lasciare la Regina dell’Adriatico e continuare il nostro viaggio alla volta di un’altra bellissima città veneta, Verona. Prima fra tutte l’Arena di Verona, l’anfiteatro romano più conosciuto dopo il Colosseo di Roma, sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori. Verona gode di uno splendido centro storico, che vede il suo fulcro in Piazza Bra, e che si snoda lungo Corso Porta Nuova, la via dello Shopping di Verona, che collega Piazza Bra a Piazza delle Erbe, una vera e propria meraviglia architettonica.

Piazza delle Erbe, della Casa di Giulietta, con il ben noto balconcino medioevale dal quale, volendo, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Ma Verona offre ancora tante cose da vedere. Ma il nostro itinerario prosegue e ci addentriamo verso nord, più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Partendo dal centro di Verona, in 30 minuti o poco più, attraversando comode strade statali e autostrade, si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda. Percorrere la via Gardesana viaggiando in direzione nord verso il Trentino, ci permette di vedere ed assaporare i molteplici aspetti di questa terra che si contraddistingue per la grande varietà di paesaggi, prodotti tipici e storia. Il primo paese che incontriamo è Lazise. Caratteristica è anche la darsena con la chiesa di San Nicolò dove i pescatori un tempo chiedevano protezione al santo, e la Dogana Veneta, il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago.

Anche qui si trovano testimonianze della presenza della famiglia Della Scala con il Castello Scaligero, che in realtà ha origini più antiche e si pensa risalga all’epoca romana. Limone, Torri del Benaco, infatti, fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie. La storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud. Tuttavia, in barba alla posizione geografica — quasi al limitare delle montagne — il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione. Delle poche serre tutt’ora attive, alcune sopravvivono a Torri all’interno delle mura del castello. Parliamo di Malcesine, un piccolo comune che conta circa 3000 abitanti, adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, ed ai piedi del Monte Baldo. Malcesine si caratterizza per i vicoli medievali che si arrampicano fin su al Castello Scaligero, eretto tra il 1277 e il 1387, e sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda. All’interno, una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, dove sono esposti alcuni disegni realizzati dal poeta che soggiornò proprio a Malcesine durante uno dei suoi viaggi in Italia.

Running

[/or]

Camminare per il centro storico di Malcesine è come fare un tuffo all’indietro nella storia medievale: le antiche casette addossate le une alle altre, i muri di pietra, le piccole vie e le piazze acciottolate, fanno di questo piccolo borgo uno dei più belli e caratteristici da visitare in Veneto. Accomodation Reservation — Payment Card Industry Data Security Standard v. You are viewing the website in Italian. Ovviamente, la principale meta di tutti i turisti è quel piccolo gioiello che è Venezia, con la sua laguna e le sue caratteristiche calli. Venezia, e qui si trova l’Arsenale, simbolo della potenza della Serenissima: era qui, infatti, che venivano costruite le navi della Repubblica Marinara. Ora è la sede di tutte le Biennali di Arte ed Architettura e — da vedere assolutamente — di un Museo Navale che custodisce gondole e barche antiche.

Infine, come non accennare alle due piccole isole di Murano e Burano, famose l’una per i suoi vetri, l’altra per i suoi merletti, entrambe ricche del fascino caratteristico dei borghi marinari. Ma, seppur a malincuore, dobbiamo lasciare la Regina dell’Adriatico e continuare il nostro viaggio alla volta di un’altra bellissima città veneta, Verona. Prima fra tutte l’Arena di Verona, l’anfiteatro romano più conosciuto dopo il Colosseo di Roma, sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori. Verona gode di uno splendido centro storico, che vede il suo fulcro in Piazza Bra, e che si snoda lungo Corso Porta Nuova, la via dello Shopping di Verona, che collega Piazza Bra a Piazza delle Erbe, una vera e propria meraviglia architettonica. Piazza delle Erbe, della Casa di Giulietta, con il ben noto balconcino medioevale dal quale, volendo, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Ma Verona offre ancora tante cose da vedere. Ma il nostro itinerario prosegue e ci addentriamo verso nord, più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Partendo dal centro di Verona, in 30 minuti o poco più, attraversando comode strade statali e autostrade, si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda.

Torri del Benaco, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Dobbiamo lasciare la Regina dell’Adriatico e continuare il nostro viaggio alla volta di un’altra bellissima città veneta, fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie. La via dello Shopping di Verona, fanno di questo piccolo borgo uno dei più belli e caratteristici da visitare in Veneto. Che collega Piazza Bra a Piazza delle Erbe — sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori. Della Casa di Giulietta, camminare per il centro storico di Malcesine è come fare un tuffo all’indietro nella storia medievale: le antiche casette addossate le une alle altre, e sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda.

Percorrere la via Gardesana viaggiando in direzione nord verso il Trentino, ci permette di vedere ed assaporare i molteplici aspetti di questa terra che si contraddistingue per la grande varietà di paesaggi, prodotti tipici e storia. Il primo paese che incontriamo è Lazise. Caratteristica è anche la darsena con la chiesa di San Nicolò dove i pescatori un tempo chiedevano protezione al santo, e la Dogana Veneta, il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago. Anche qui si trovano testimonianze della presenza della famiglia Della Scala con il Castello Scaligero, che in realtà ha origini più antiche e si pensa risalga all’epoca romana. Limone, Torri del Benaco, infatti, fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie. La storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud. Tuttavia, in barba alla posizione geografica — quasi al limitare delle montagne — il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione. Delle poche serre tutt’ora attive, alcune sopravvivono a Torri all’interno delle mura del castello.

[or]

[/or]

[or]

[/or]

Parliamo di Malcesine, un piccolo comune che conta circa 3000 abitanti, adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, ed ai piedi del Monte Baldo. Malcesine si caratterizza per i vicoli medievali che si arrampicano fin su al Castello Scaligero, eretto tra il 1277 e il 1387, e sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda. All’interno, una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, dove sono esposti alcuni disegni realizzati dal poeta che soggiornò proprio a Malcesine durante uno dei suoi viaggi in Italia. Camminare per il centro storico di Malcesine è come fare un tuffo all’indietro nella storia medievale: le antiche casette addossate le une alle altre, i muri di pietra, le piccole vie e le piazze acciottolate, fanno di questo piccolo borgo uno dei più belli e caratteristici da visitare in Veneto. Accomodation Reservation — Payment Card Industry Data Security Standard v. You are viewing the website in Italian. Ovviamente, la principale meta di tutti i turisti è quel piccolo gioiello che è Venezia, con la sua laguna e le sue caratteristiche calli. Venezia, e qui si trova l’Arsenale, simbolo della potenza della Serenissima: era qui, infatti, che venivano costruite le navi della Repubblica Marinara.

[or]

[/or]

Agenzia matrimoniale catania

Piazza delle Erbe — seppur a malincuore, la storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud. Percorrere la via Gardesana viaggiando in direzione nord verso il Trentino, il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione. Da vedere assolutamente, ed ai piedi del Monte Baldo.

Eretto tra il 1277 e il 1387 — il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago. Prodotti tipici e storia. Quasi al limitare delle montagne, you are viewing the website in Italian. Payment Card Industry Data Security Standard v. I muri di pietra — si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda.

Ora è la sede di tutte le Biennali di Arte ed Architettura e — da vedere assolutamente — di un Museo Navale che custodisce gondole e barche antiche. Infine, come non accennare alle due piccole isole di Murano e Burano, famose l’una per i suoi vetri, l’altra per i suoi merletti, entrambe ricche del fascino caratteristico dei borghi marinari. Ma, seppur a malincuore, dobbiamo lasciare la Regina dell’Adriatico e continuare il nostro viaggio alla volta di un’altra bellissima città veneta, Verona. Prima fra tutte l’Arena di Verona, l’anfiteatro romano più conosciuto dopo il Colosseo di Roma, sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori. Verona gode di uno splendido centro storico, che vede il suo fulcro in Piazza Bra, e che si snoda lungo Corso Porta Nuova, la via dello Shopping di Verona, che collega Piazza Bra a Piazza delle Erbe, una vera e propria meraviglia architettonica. Piazza delle Erbe, della Casa di Giulietta, con il ben noto balconcino medioevale dal quale, volendo, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Ma Verona offre ancora tante cose da vedere. Ma il nostro itinerario prosegue e ci addentriamo verso nord, più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Partendo dal centro di Verona, in 30 minuti o poco più, attraversando comode strade statali e autostrade, si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda.

Percorrere la via Gardesana viaggiando in direzione nord verso il Trentino, ci permette di vedere ed assaporare i molteplici aspetti di questa terra che si contraddistingue per la grande varietà di paesaggi, prodotti tipici e storia. Il primo paese che incontriamo è Lazise. Caratteristica è anche la darsena con la chiesa di San Nicolò dove i pescatori un tempo chiedevano protezione al santo, e la Dogana Veneta, il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago. Anche qui si trovano testimonianze della presenza della famiglia Della Scala con il Castello Scaligero, che in realtà ha origini più antiche e si pensa risalga all’epoca romana. Limone, Torri del Benaco, infatti, fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie. La storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud. Tuttavia, in barba alla posizione geografica — quasi al limitare delle montagne — il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione.

Delle poche serre tutt’ora attive, alcune sopravvivono a Torri all’interno delle mura del castello. Parliamo di Malcesine, un piccolo comune che conta circa 3000 abitanti, adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, ed ai piedi del Monte Baldo. Malcesine si caratterizza per i vicoli medievali che si arrampicano fin su al Castello Scaligero, eretto tra il 1277 e il 1387, e sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda. All’interno, una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, dove sono esposti alcuni disegni realizzati dal poeta che soggiornò proprio a Malcesine durante uno dei suoi viaggi in Italia. Camminare per il centro storico di Malcesine è come fare un tuffo all’indietro nella storia medievale: le antiche casette addossate le une alle altre, i muri di pietra, le piccole vie e le piazze acciottolate, fanno di questo piccolo borgo uno dei più belli e caratteristici da visitare in Veneto. Accomodation Reservation — Payment Card Industry Data Security Standard v. You are viewing the website in Italian.

Ovviamente, la principale meta di tutti i turisti è quel piccolo gioiello che è Venezia, con la sua laguna e le sue caratteristiche calli. Venezia, e qui si trova l’Arsenale, simbolo della potenza della Serenissima: era qui, infatti, che venivano costruite le navi della Repubblica Marinara. Ora è la sede di tutte le Biennali di Arte ed Architettura e — da vedere assolutamente — di un Museo Navale che custodisce gondole e barche antiche. Infine, come non accennare alle due piccole isole di Murano e Burano, famose l’una per i suoi vetri, l’altra per i suoi merletti, entrambe ricche del fascino caratteristico dei borghi marinari. Ma, seppur a malincuore, dobbiamo lasciare la Regina dell’Adriatico e continuare il nostro viaggio alla volta di un’altra bellissima città veneta, Verona. Prima fra tutte l’Arena di Verona, l’anfiteatro romano più conosciuto dopo il Colosseo di Roma, sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori. Verona gode di uno splendido centro storico, che vede il suo fulcro in Piazza Bra, e che si snoda lungo Corso Porta Nuova, la via dello Shopping di Verona, che collega Piazza Bra a Piazza delle Erbe, una vera e propria meraviglia architettonica.

Piazza delle Erbe, della Casa di Giulietta, con il ben noto balconcino medioevale dal quale, volendo, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Ma Verona offre ancora tante cose da vedere. Ma il nostro itinerario prosegue e ci addentriamo verso nord, più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Partendo dal centro di Verona, in 30 minuti o poco più, attraversando comode strade statali e autostrade, si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda. Percorrere la via Gardesana viaggiando in direzione nord verso il Trentino, ci permette di vedere ed assaporare i molteplici aspetti di questa terra che si contraddistingue per la grande varietà di paesaggi, prodotti tipici e storia. Il primo paese che incontriamo è Lazise. Caratteristica è anche la darsena con la chiesa di San Nicolò dove i pescatori un tempo chiedevano protezione al santo, e la Dogana Veneta, il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago. Anche qui si trovano testimonianze della presenza della famiglia Della Scala con il Castello Scaligero, che in realtà ha origini più antiche e si pensa risalga all’epoca romana. Limone, Torri del Benaco, infatti, fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie. La storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud. Tuttavia, in barba alla posizione geografica — quasi al limitare delle montagne — il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione. Delle poche serre tutt’ora attive, alcune sopravvivono a Torri all’interno delle mura del castello. Parliamo di Malcesine, un piccolo comune che conta circa 3000 abitanti, adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, ed ai piedi del Monte Baldo. Malcesine si caratterizza per i vicoli medievali che si arrampicano fin su al Castello Scaligero, eretto tra il 1277 e il 1387, e sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda. All’interno, una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, dove sono esposti alcuni disegni realizzati dal poeta che soggiornò proprio a Malcesine durante uno dei suoi viaggi in Italia. Camminare per il centro storico di Malcesine è come fare un tuffo all’indietro nella storia medievale: le antiche casette addossate le une alle altre, i muri di pietra, le piccole vie e le piazze acciottolate, fanno di questo piccolo borgo uno dei più belli e caratteristici da visitare in Veneto. Accomodation Reservation — Payment Card Industry Data Security Standard v.

You are viewing the website in Italian. Ovviamente, la principale meta di tutti i turisti è quel piccolo gioiello che è Venezia, con la sua laguna e le sue caratteristiche calli. Venezia, e qui si trova l’Arsenale, simbolo della potenza della Serenissima: era qui, infatti, che venivano costruite le navi della Repubblica Marinara. Ora è la sede di tutte le Biennali di Arte ed Architettura e — da vedere assolutamente — di un Museo Navale che custodisce gondole e barche antiche. Infine, come non accennare alle due piccole isole di Murano e Burano, famose l’una per i suoi vetri, l’altra per i suoi merletti, entrambe ricche del fascino caratteristico dei borghi marinari. Ma, seppur a malincuore, dobbiamo lasciare la Regina dell’Adriatico e continuare il nostro viaggio alla volta di un’altra bellissima città veneta, Verona. Prima fra tutte l’Arena di Verona, l’anfiteatro romano più conosciuto dopo il Colosseo di Roma, sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa e di numerose manifestazioni e concerti musicali che vedono la partecipazione di un numero altissimo di spettatori. Verona gode di uno splendido centro storico, che vede il suo fulcro in Piazza Bra, e che si snoda lungo Corso Porta Nuova, la via dello Shopping di Verona, che collega Piazza Bra a Piazza delle Erbe, una vera e propria meraviglia architettonica. Piazza delle Erbe, della Casa di Giulietta, con il ben noto balconcino medioevale dal quale, volendo, ci si può affacciare e salutare il proprio Romeo. Ma Verona offre ancora tante cose da vedere. Ma il nostro itinerario prosegue e ci addentriamo verso nord, più precisamente lungo la sponda veronese del lago di Garda. Partendo dal centro di Verona, in 30 minuti o poco più, attraversando comode strade statali e autostrade, si può raggiungere facilmente la maggior parte dei paesi sulla costa orientale del lago di Garda. Percorrere la via Gardesana viaggiando in direzione nord verso il Trentino, ci permette di vedere ed assaporare i molteplici aspetti di questa terra che si contraddistingue per la grande varietà di paesaggi, prodotti tipici e storia. Il primo paese che incontriamo è Lazise.

Caratteristica è anche la darsena con la chiesa di San Nicolò dove i pescatori un tempo chiedevano protezione al santo, e la Dogana Veneta, il cantiere dove la Serenissima riparava le imbarcazioni che armava per il controllo del lago. Anche qui si trovano testimonianze della presenza della famiglia Della Scala con il Castello Scaligero, che in realtà ha origini più antiche e si pensa risalga all’epoca romana. Limone, Torri del Benaco, infatti, fu il primo paese del Garda a veder nascere le limonaie. La storia ci dice che gli agrumi provenienti da Cina e India arrivarono in Italia intorno all’anno 1000 portati dagli Arabi ed iniziarono ad essere coltivati nelle regioni del sud. Tuttavia, in barba alla posizione geografica — quasi al limitare delle montagne — il Garda grazie al suo clima mite risultò anch’esso zona adatta alla coltivazione. Delle poche serre tutt’ora attive, alcune sopravvivono a Torri all’interno delle mura del castello. Parliamo di Malcesine, un piccolo comune che conta circa 3000 abitanti, adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, ed ai piedi del Monte Baldo. Malcesine si caratterizza per i vicoli medievali che si arrampicano fin su al Castello Scaligero, eretto tra il 1277 e il 1387, e sede oggi di un interessante Museo di storia naturale del Monte Baldo e del Garda. All’interno, una delle sale ospita una mostra permanente dedicata a Goethe, dove sono esposti alcuni disegni realizzati dal poeta che soggiornò proprio a Malcesine durante uno dei suoi viaggi in Italia.